LA CRESCITA IMPRESE ABRUZZESI, FEBBO: L’ABRUZZO E’ IN FORTE RECESSIONE. PAOLUCCI FAREBBE BENE A DIMETTERSI

Tutti gli indici smentiscono questo esecutivo regionale

Pescara, 24.11.2017. “Spiace dover constatare come l’assessore  Paolucci vive fuori e distante dalla realtà sanitaria, economica e  finanziaria abruzzese” . Questa la replica del consigliere regionale Mauro Febbo alle ultime dichiarazioni rilasciate dall’assessore regionale Silvio Paolucci sottolineando quando segue: “I numeri, questa volta di Bankitalia, dopo quelli dell’Istat, Cresa, Confindustria, Cna ecc… sono chiari e incontrovertibili e anche questa volta dicono e dimostrano  purtroppo come l’Abruzzo, da quando è al governo il centrosinistra, sia in forte recessione e decrescita come dimostrano le serie ricerche effettuate dal professor Ronci. In Abruzzo le imprese che hanno fino a 9 addetti rappresentano il 96% del totale delle imprese e impiegano il 56% degli occupati. La Banca d’Italia ha effettuato un sondaggio su un campione di circa 110 imprese industriali della regione con almeno 20 addetti. Sulla base dei risultati dell’indagine, nei primi nove mesi dell’anno, circa il 40% delle aziende ha fatto registrare una crescita del fatturato rispetto allo stesso periodo del 2016 a fronte del 20% che ha segnalato una diminuzione. Poiché le aziende con più di 9 dipendenti rappresentano appena il 4% del totale delle imprese, il 40% delle imprese con più di 20 addetti (che nel I semestre 2017 ha fatto registrare una crescita del fatturato) rappresenta sicuramente meno del l’1,6% del totale delle imprese. Si capisce bene – spiega Febbo – di come vengono presi in considerazioni numeri e dati che coinvolgono una percentuale bassissima, quasi ridicola, del nostra economia. Quindi è incomprensibile e oltre modo fuori luogo l’entusiasmo che vorrebbe far credere Paolucci agli abruzzesi. Purtroppo come rilevano i maggiori Istituti nazionali e regionali la nostra economia, a differenza delle altre Regioni, stenta a ripartire e crescere. I numeri dicono e raccontano un’altra realtà abruzzese.  Dal I semestre 2017 i dati sono scoraggianti in quanto: l’andamento della popolazione registra una flessione di 4.566 residenti in valori percentuali -0,35% che è pari a due volte e mezzo il -0,14% italiano;  le imprese subiscono un decremento di 168 unità  in  valori percentuali -0,11% in controtendenza con la crescita italiana +0,33%; l’export subisce una brusca frenata poiché cresce di appena dell’1,9% dato che è appena un quarto dell’8% nazionale; gli occupati rispetto al II trimestre 2016 decrescono di 11.000 unità; il tasso di occupazione nel II trimestre 2017 è stato del 56,1%, valore che rimane ancora più basso del 58,1% nazionale registrando uno spread negativo di 2 punti percentuali; i disoccupati nel II trimestre 2017 rimangono gli stessi del II trimestre 2016; Il tasso di disoccupazione nel II trimestre 2017 è stato del 11,6% e rimane più basso del 10,9% nazionale. Questa purtroppo – conclude Febbo – è la cruda e nuda realtà della nostra economia che questo Governo regionale di Paolucci e D’Alfonso ha prodotto in questi anni”

Condividilo su:

0
Shares