TRASPORTO STUDENTI DISABILI, SOSPIRI E FEBBO: IN ABRUZZO SI VUOLE NEGARE IL DIRITTO ALL’ISTRUZIONE

14713742_10208932115674220_5046639112298435543_n“Malgrado le promesse, mai realizzate dall’assessore Paolucci, annunciate solo con  l’intento di rispondere alle nostre critiche, concretizzatesi in una battaglia che dura da 2 anni in Commissione e in Consiglio regionale, la mannaia della compartecipazione si sta abbattendo sulle famiglie abruzzesi come purtroppo avevamo previsto”. E’ quanto dichiarano il Capogruppo di Forza Italia Lorenzo Sospiri, e il presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo che citano a titolo di esempio la comunicazione del Sindaco di Roccamorice al padre di uno studente disabile. “Una lettera – spiegano i Consiglieri regionali di Forza Italia – che potrebbe essere stata scritta dal Sindaco di qualsiasi Comune abruzzese che si vede costretto ad applicare le norme regionali”.

“La quota di spesa per il servizio di trasporto a carico della famiglia del ragazzo disabile, che frequenta un istituto superiore, ammonta addirittura a 1.900 euro per l’anno scolastico 2016/2017, mentre per l’anno scolastico 2015/2016 a 1.100 euro. Il tutto senza nessun riferimento al reddito Isee. Una situazione assurda, ingiustificabile e inqualificabile. Questo è solo uno delle migliaia di esempi che proliferano in Abruzzo – spiegano Sospiri e Febbo – a dimostrazione di come nella nostra regione, seguendo la logica della compartecipazione, sia stata messa in atto una vera e propria “macelleria sociale” che peserà soprattutto sulle categorie più deboli. L’unico risultato che si sta ottenendo è negare il diritto all’istruzione a tanti ragazzi dimostrando che le nostre critiche, a differenza di quanto affermava Paolucci, sono purtroppo fondate. È ci hanno scomodato persino il Ministro Poletti per propagandare e “decantare” questo Piano Sociale?!?!?  Una vergogna per la Sinistra e gli Abruzzesi”.

 

 

Condividilo su:

24
Shares